I MISTERI DELLA VITA



 

Comprendo che la domanda pare alquanto strana e sono certa che tutti mi risponderebbero che sono svegli. Stamattina si sono alzati dal letto ed hanno dedicato la giornata alle varie incombenze di ogni giorno, quindi...sono svegli. Eppure no, non è così, e non è una affermazione che parte da me, ma proviene direttamente da tutte le antiche tradizioni, sia orientali che occidentali. L'uomo, in realtà, vive in una specie di autoipnosi, crede di essere sveglio, ma sta dormendo, agisce in modo automatico e la mente si perde e si disperde in mille pensieri. Ed è difficilissimo tenere a freno la mente, provateci...e se la mente va per conto suo voi non siete presenti, lo è il vostro corpo, ma non i vostri pensieri.
Cosa occorre per divetare dei "Risvegliati" dal sonno profondo della coscienza?
Occorre aprire poco per volta il nostro cuore, non il cuore fisico, ma il centro  Emozionale   secondo gli isegnamenti di Gurdjieff (1866'-19499) della Tradizione Occidentale, nella tradizione Indù corrisponde al chakra anahata situato lungo la colonna vertebrale all'altezza del petto.
Aprire il Cuore significa risvegliarsi e vedere la realtà oltre l'illusione.
Aprire il Cuore significa aprirsi alla consapevolezza e alla Coscienza, e chi giunge a questo viene definito "Illuminato" perchè ha compiuto un'Opera di trasmutazione alchemica prendendosi la responsabilità del proprio agire e pensare.
Ma attenzione: tanti cercano il Maestro che li aiuti ad operare questa trasmutazione, ma il maestro ha solo il compito di indicarci la strada, non può e non deve percorrerla al nostro posto.
Nessuno può svegliarci se non noi stessi. Non esistono formule magiche, o tecniche che, da sole, possano farlo. Le tecniche hanno solo il compito di aiutarci e vanno scelte con molta attenzione perchè possono provocare dei danni  e qui può aiutarci un maestro o una scuola, ma non credete mai a chi vi promette di farvi raggiungere l'Illuminazione attraverso una tecnica e non con un vero lavoro di apertura progressiva della coscienza.
Percorrere questo Sentiero non è per persone deboli, nè per chi non è disposto ad assumersi la responsabilità dei propri errori, è meglio per loro lasciar perdere.
La Via del Guerriero è una Via del Cuore, ma è tutta in salita e più sali e più sei solo. E la solitudine è un grosso peso da portare ed un pedaggio da pagare.
Tutto intorno a voi non cambia, eppure tutto dentro di voi è cambiato.
Gabry Fogli

-----------------_________________________________________---------------------------- 

CONTINIAMO A PARLARE DI ESOTERISMO: IL RUOLO DI UNA SCUOLA INIZIATICA (3° PARTE)
 



Nell'articolo precedente vi ho raccontato che cercavo una scuola Iniziatica e la trovai, anche se non fu la sola, ma fu la prima. Trovai la Scuola Arcana di Ginevra ed iniziai il mio percorso con loro ma, c'è sempre un ma....riflettiamo insieme: qual'è il ruolo di una scuola Iniziatica? A cosa serve VERAMENTE? E non è questione solo di Scuola Arcana, ma anche di Martinismo, Massoneria e vari Ordini Cavallereschi.
E vi parlo da Responsabile Nazionale di un Ordine Templare, carica che ricopro tutt'ora.
Non vi è nulla di male a far parte di una scuola Iniziatica, ma occorre avere sempre in chiaro la meta...cosa vogliamo fare? Dove vogliamo arrivare? La risposta, almeno per quello che mi riguarda è arrivare all'Illuminazione, alla morte e rinascita mentre sono in vita, in questa dimensione. Ma la mia meta non è l'associazione, non è il Gruppo, la mia meta è il Cristo e la Via Occidentale, perchè qui mi sono incarnata, in questa Terra, in questa famiglia terrena da cui mi sono sempre sentita avulsa, diversa. Ho sempre macinato libri fin da quando ero bambina, mio padre comprava dei contenitori vuoti a forma di libri per riempire il mobile dell'entrata, culturalmente c'è un abisso, anche con mio fratello, infatti non abbiamo praticamente nessun rapporto. Lui vive per divertirsi, gli piacciono le belle macchine, gli abiti firmati e le partite a tennis, oltre che a fare il sub. Nulla di male, ma in tutto questo non ha posto per la sua vita interiore. E anche lui è come il contenitore vuoto a forma di libro che ha mio padre.
La stessa cosa accade con la scuola iniziatica, qualunque sia.
Cosa scatta per prima cosa? Il senso di appartenenza. E' umano, ci sentiamo di appartenere sempre a qualcosa, dal gruppo folcloristico, alla tifoseria, alla "propria" scuola, al gruppo delle catechiste.
Ma l'appartenenza è il più grande handicap verso la Libertà.
Quindi si al frequentare, no all'appartenere se non a chi abbiamo giurato di onorare e difendere.
La scuola deve fornirti i mezzi, gli insegnamenti, ma non deve avvalorare il tuo senso di appartenenza.
Nel momento in cui appartieni a qualunque cosa non sei più libero.
Pensateci. Anche i fratelli massoni che sono così coesi tra di loro hanno questo senso spiccato dell'appartenenza. No, è sbagliato. La scuola non può sostituirsi a Dio e io sono stata creata libera e con la libertà di scegliere, anche di sbagliare, è questo il senso del libero arbitrio.
E la Scuola, se veramente tale, deve aiutarti a trovare dentro di te le risposte che già ci sono e non legarti a lei. E quando cominciano a dirmi che non devo mangiare carne, che devo diventare vegetariana, smettere assolutamente di fumare io drizzo le antenne perchè Gesù, e scusate se è poco, disse che non quello che entra dalla bocca fa male, ma quello che esce, cioè le parole che dicono bugie, inveiscono, tradiscono, insultano ecc. quindi il problema non è che a Dio gli importa quello che facciamo nel nostro essere piccoli uomini, ma ciò che pensiamo, come agiamo e se ci prendiamo le nostre responsabilità senza caricarle a nessuno. (SEGUE...)

Gabry Fogli

-----------------------------------------_________________________-------------------------------------



 PRIMI APPROCCI ALL'ESOTERISMO (PARTE SECONDA)




La cosa strana è che mi sono sempre sentita aliena alla mia famiglia, gli unici con cui avevo un raporto speciale erano i miei nonni materni. Mio nonno era un gran pezzo d'uomo, sempre con il cappello in testa, lo toglieva solo in casa, ma fuori mai, amava la caccia e la pesca, ma non sapeva nulla di esoterismo tranne che per alcuni fatti accaduti in famiglia di cui era stato testimone diretto, e diceva che i suoi occhi non lo avevano ingannato. Nonna fu la causa di quanto successe perchè, che lo volesse o meno, non poteva ignorare di avere delle qualità speciali di cui, però, aveva anche una fottutissima paura. Ma come opporsi quando la tua direzione è scritta? La paura la avvicinò molto alla Fede, non ai preti, per cui non provava alcuna simpatia, ma per la Fede  fine a sè stessa e pregava molto, con fervore, e appena poteva correva in chiesa al rosario o alla Santa Messa. Ma non legò mai con nessuno, appena finiva la funzione scappava via, senza fermarsi. Era convinta che la Fede l'avrebbe protetta contro tutte le "fatture" a cui NON credeva. Ufficialmente. Perchè non era così. Io continuavo le mie letture e ricordo ancora il primo libro di un certo tipo che lessi...era "La Luce sul Sentiero" seguito a ruota da "Io Sono..." poi continuai con la letteratura Teosofica. Ero come una spugna, ma tante parole non le comprendevo, così come non afferravo il senso profondo che c'era, me ne rendevo conto, ma non ero ancora abbastanza matura per sviluppare certe tesi. Venni a sapere che a Ginevra esisteva una scuola esoterica, che c'è ancora, la "Scuola Arcana" ed è situata dentro il Palazzo delle Nazioni Unite. E' una scuola Iniziatica ed esclusiva riservata a Discepoli sul sentiero della Probazione. Inviai richiesta per essere ammessa a frequentare i corsi e, dopo un test, mi ammisero alla Scuola. Mi inviavano le dispense per posta, ed io avevo un tot di tempo per leggere, studiare e sviscerare gli argomenti ed era tutt'altro che facile. Certo, i primi tempi passarono abbastanza bene, ma più andavo avanti e più diventava difficile e le risposte non consistevano in si o no, ma dovevi sviscerare l'argomento con parole tue frutto dei tuoi ragionamenti. Quanto tempo speso per essere certa di non scrivere castronerie ma, con mia sorpresa e gioia, andavo avanti. Il tutto avveniva, come detto, per via postale e se avevo bisogno di chiarimenti potevo rivolgermi a un'altra ragazza italiana il cui nominativo mi era stato dato direttamente dalla Scuola. Lei era più avanti di me e, tra i suoi compiti, c'era anche quello di seguire le sorelle più indietro sul cammino. La preghiera per la Nuova Era è questa:

Dal punto di luce entro la mente di dio
affluisca luce nelle menti degli uomini.
Scenda luce sulla terra.

Dal punto di amore entro il cuore di dio
affluisca amore nei cuori degli uomini.
Possa cristo tornare sulla terra.

Dal centro ove il volere di dio è conosciuto
il proposito guidi i piccoli voleri degli uomini;
il proposito che i maestri conoscono e servono.

Dal centro che vien detto il genere umano
si svolga il piano di amore e di luce
e possa sbarrare la porta dietro cui il male risiede.

Che luce, amore e potere ristabiliscano il piano sulla terra.

Om om om

Questa preghiera era il nostro mantram, da diffondere il più possibile. Ci sono dei periodi  durante l'anno in cui si svolgono delle feste particolari in base alla luna, al segno zodiacale e alla posizione degli Astri. Durante queste festività esoteriche eravamo chiamati a riunirci con il pensiero se non potevamo recarci direttamente a Ginevra. La Scuola Arcana si trova dentro al Palazzo delle Nazioni Unite perchè ne ha contribuito alla nascita. Si fa un lavoro con le triangolazioni sempre per poter contrastare il male e favorire la vittoria del Bene.
Anche se non si crede a nulla, penso che se ci guardiao intorno assistiamo a un cambiamento di valori imponente: umiltà, educazione, rispetto sono diventate obsolete. Non si cede più il proprio posto ad un anziano o ad una donna incinta o a chi cammina con le stampelle. E' un fatto. Ed è un fatto grave. I genitori sono diventati troppo permissivi ed accomodanti con i propri figli e questo non ne forgia il carattere. -segue-

Gabry fogli 

-------------------------___________________________------------------------------






  MIEI PRIMI APPROCCI NEL MONDO DELL'ESOTERISMO
Sono nata nella città esoterica per eccellenza, in provincia di Torino, in una fredda mattina di novembre. La storia della mia famiglia è segnata da una linea femminile da parte di madre in cui le donne nascono con particolari doti. Mia bisononna materna era malata, aveva un tumore in gola. Era magra, asciutta, con i capelli raccolti in uno chinon sulla nuca ed era la curatrice del paese. Raccoglieva le erbe nel bosco in determinate ore e fasi lunari e poi le lasciava asciugare oppure le metteva a macerare dentro particolari liquidi o alcool. N​on l'ho mai conosciuta. E' morta pochi giorni dopo che io sono nata e ciò che so me lo ha raccontato mia nonna. Era una donna con un carattere fortissimo e indomito e aveva contro tutto il paese, salvo quando avevano bisogno delle sue tinture e decotti. Come sempre la gente giudica senza conoscere ciò di cui parla. La temevano, e per questo tentarono di distruggerla le malelingue. Quanto male può fare l'ignoranza...Quando nacque mia madre soffriva di attacchi di epilessia e le pie donne dissero che era indemoniata, ma la bisnonna la curò in collaborazione con il medico che veniva una volta al mese.
Comunque mia nonna mi raccontò che prima di morire bisnonna Maria chiese che mi portassero da lei. Io avevo pochi mesi di vita e lei mi impresse dei segni e disse della parole che nonna non comprese.
Cosa mi diede? Non lo so, ma qualcosa mi ha passato. Il problema era che mia nonna materna aveva una fottutissima paura di tutto quello che faceva parte del mondo dell'insondabile e rifiutò in tutti i modi di portare avanti la tradizione di famiglia e trasmise la sua paura a mia madre che pure fu testimone di fatti a dir poco strabilianti e che quando mi furono raccontati mi fecero accapponare la pelle. Ma di questi fatti ne venni a conoscenza quando iniziai a studiare certe materie e leggere libri che preoccuparono tantissimo mamma e nonna che cercarono in tutti i modi di allontanarmi dalla strada che avevo intrapreso. Avevo 15 anni e mentre le mie coetanee pensavano ai primi amori  io mi occupava di tutt'altro benchè anche i miei ormoni funzionassero benissimo. Sono sempre stata una ragazza in carne, distribuita nei punti giusti ed ho sempre attirato a me ragazzi e uomini più grandi che, poi appresi, facevano parte di cerchi esoterici. Sempre li ho attirati, nel bene e nel male, perchè la strada doveva iniziare ad essere intrapresa e io dovevo riuscire a scegliere la direzione giusta e questo poteva avvenire solo se penetravo nei due mondi e imparavo a riconoscere la direzione che avrei intrapreso. Ma questa strada fu anche estremamente pericolosa anche se, ora lo so, non fui mai sola e venni ripresa al volo all'ultimo momento prima di combinare qualcosa che mi avrebbe portato a perdermi per sempre. Quando inizi il percorso non puoi più tornare indietro, pena il perdere per sempre la tua anima, annullarti completamente, sparire definitivamente. Ma tutto questo lo appresi solo dopo,  allora ero sola, almeno così credevo, sola con le mie intuizioni che, a volte, erano difficili da decifrare, eppure dovevo...dovevo...
Così era scritto per me nel Libro della Vita...
Gabry Fogli

MACRO

Etichette

Mostra di più

POST PIU' POPOLARI