UN PENSIERO DI OSHO





Io sono tutt’uno con ogni cosa;
ciò che è bello,
ciò che è brutto,
poiché qualunque cosa sia
là ci sono anch’io.

Non solo della virtù,
ma anche del vizio sono compagno,
e non solo il paradiso mi appartiene,
ma anche l’inferno.

Buddha, Gesù, Lao Tzu
è facile essere loro erede,
ma Gengis Khan, Tamerlano e Hitler?
Anch’essi sono in me!

No, non metà - io sono l’umanità intera!
Tutto ciò che è dell’uomo è anche mio:
i fiori e le spine,
le tenebre e la luce,
e se mio è il nettare, di chi è il veleno?

Nettare e veleno mi appartengono entrambi.
Io chiamo religioso
chiunque faccia questa esperienza,
poiché solo l’angoscia di siffatta esperienza
può rivoluzionare la vita sulla terra.

(Osho, Una tazza di tè)

MACRO

Etichette

Mostra di più

POST PIU' POPOLARI