BENVENUTI

BENVENUTI

martedì 29 dicembre 2015

Metti Osho al posto del maschio di Massimo Fini



 
 
Metti Osho al posto del maschio
di Massimo Fini - 28/12/2015

Fonte: Massimo Fini

Non conosco donna, fra i trentacinque e i cinquantacinque anni, che non sia attratta dall’esoterismo, da Osho, da Milarepa o, le più colte, da Gurdjieff. E’ una cosa che ha poco senso perché si tratta di esperienze interiori che possono essere vissute solo là dove quelle religioni o filosofie orientali sono nate e si sono sviluppate e non possono essere esportate e sostituite da letture (“Il Tao detto non è il vero Tao”) o da guru e Illuminati più o meno improvvisati e spesso non innocenti trasferitisi in Occidente. Per la verità questo volgersi all’Oriente, religioso o filosofico, coinvolge anche gli uomini (anche se non ne ho visto mai uno, almeno di mia conoscenza, salmodiare Nam Miyoho Renge Kyo) e fa parte di un fenomeno più generale. Il fatto è che la Chiesa non è riuscita a intercettare i bisogni spirituali che, per contraccolpo, si creano in una società materialistica come la nostra. La progressiva desacralizzazione dell’Occidente ha origini lontane e complesse, nella comparsa e nel graduale prevalere della Ragione illuminista. Ma per stare a un passato recente si può fare l’esempio di Papa Wojtyla. Più Wojtyla si affermava come Superstar mondiale, grazie alla sua esposizione mediatica, più, in contemporanea e in correlazione, nel quasi quarto di secolo del suo pontificato crollavano le vocazioni, sacerdotali e monacali, e in Occidente si illanguidiva fin quasi a scomparire il senso del sacro. E temo che alla stessa fine sia destinato un altro Papa Superstar, Bergoglio, troppo inserito, al di là delle sue parole, ma non della sua volontà, nel mondo. Del mondo, in Europa e in Occidente, ne abbiamo fin sopra i capelli. Abbiamo bisogno di qualcos’altro. E lo andiamo a cercare altrove. Solo l’Isis può credere che sia rimasto qualcosa di cristiano in Occidente.
Torniamo alle donne. Il loro esoterismo non è solo il segnale del tentativo di colmare un vuoto spirituale, ma marca anche un’altra assenza, più concreta e terrena: quella del maschio. Non per una scopata (quella non la si nega a nessuna) ma per un rapporto serio e duraturo. I maschi, dicono, sono scomparsi. E hanno ragione, anche se qualche attenuante ce l’abbiamo. Non ci sono più le condizioni per dimostrare la nostra, vera o presunta, virilità. Non andiamo più in guerra, non siamo più legati a ideologie che comportino rischi, pericoli, qualche prova di coraggio, fisico e morale, la tecnologia ha reso inutile la forza fisica, tutt’al più ci serve, sui treni, per aiutarle a mettere le loro pesantissime valigie (ma che cosa mai ci mettono dentro?) sulle reticelle. A questo ci siamo ridotti. E così invece del Principe Azzurro (nonostante tutto un po’ romantiche lo sono restate) si trovano di fronte quello che l’uomo in realtà è sempre stato: un bambino (“Ricordati che in ogni uomo c’è sempre un bambino che vuole giocare” scrive Nietzsche). E ne sono deluse. Ecco perché molte donne e molti uomini d’Occidente sono attratti dall’Isis. Le prime per trovare un maschio propriamente detto, i secondi per ritrovar se stessi. 

http://www.ariannaeditrice.it/

AFORISMI E CITAZIONI: IMMAGINI CON FRASI 103



















































































































































lunedì 28 dicembre 2015

BUONA FINE E BUON PRINCIPIO DA GABRI




Anche quest'anno è giunto alla fine. Fra pochi giorni alzeremo i calici per salutare il nuovo anno che arriva e, con il brindisi, diamo il via alle nuove aspettative, agli impegni che intendiamo assumere, la dieta da iniziare, smettere di fumare ecc. ecc.
Ogni anno che termina mi da malinconia, è una lunga strada percorsa, nel bene o nel male, una parte di vita che si allontana per sempre.
Ogni anno speriamo nella ripresa del mercato, nell'apertura di nuove posizioni lavorative, nella fine delle guerre e dell'inquinamento.
Ma, ogni anno, arriviamo alla fine senza che siano avvenuti sostanziali cambiamenti.
Eppure potremmo farli partire da noi, modificando il nostro carattere, assumendoci degli impegni nuovi che ci collocano al centro o ai margini dell'azione, ma, in ogni caso, fanno testo che ci stiamo impegnando, che il cambiamento prima che fuori di noi deve nascere dentro di noi.
E questa è la parte più difficile.
E' come coltivare una piantina...se l'accudiamo con cura, giorno dopo giorno, dandole acqua e luce sufficiente, lei crescerà e diventerà rigogliosa e forte. Ma se non ci prenderemo cura di lei dimenticandoci di innaffiarla regolarmente e non somministrandole i giusti elementi nutritivi, ben presto appassirà e diventerà rinsecchita e, alla fine, morirà.
I buoni propositi sono la piantina, le intenzioni il sole che la illumina, le azioni l'elemento nutritivo.
In qualunque modo festeggerete il nuovo anno che arriva e qualunque impegno prenderete con voi stessi, ricordatevi della piantina.
Vi auguro che alla fine dell'anno si sia trasformata in uno splendido albero che ha le radici nel vostro cuore.
Gabry

lunedì 21 dicembre 2015

AFORISMI E CITAZIONI: IMMAGINI CON FRASI 102

















































































































































































PENSIERI SPIRITUALI









Osserva ogni cosa come se la stessi guardando
per la prima o per l'ultima volta.
Così il tuo tempo sulla terra
si riempirà di beatitudine.
Betty Smith "Un albero cresce a Brooklyn "





Il nostro atteggiamento verso la sofferenza è assai importante,
perchè può influire sulla capacità di affrontare il dolore
quando questo si presenta. E’ chiaro che di norma noi abbiamo
una forte avversione e intolleranza per le persone e i travagli
che ci toccano. Se però riusciamo a cambiare il nostro
atteggiamento verso la sofferenza, ad adottarne uno che
ce la faccia tollerare di più, avremo molte più possibilità
di neutralizzare sentimenti di infelicità, insoddisfazione e scontento.
(Dalai Lama, L’arte della felicità)





Sii padrone dei tuoi occhi,
delle tue orecchie,
del tuo naso,
della tua lingua.
Sii padrone del tuo corpo,
delle tue parole,
dei tuoi pensieri;
sii padrone di te stesso in ogni situazione
e sarai libero dalla sofferenza. (Dhammapada 360-361)





Per tre motivi la ricerca e la pratica sono follie fuorvianti,
sono l'inganno della mente per posporre la libertà.
Il primo è che viene a crearsi un cercatore. Ciò rafforza l'idea
di un individuo sofferente separato dalla libertà,
e che il Sè sia "altro" da Quello qui e ora.
Il secondo è la ricerca. La ricerca è una diversione
che causa il posporre e provoca un'inutile, infinita sofferenza.
La verità è soltanto qui e ora, ma la ricerca afferma che è domani.
Il terzo motivo è che la ricerca postula un oggetto da trovare, e questa
può essere la trappola più sottile e fuorviante.
Appena inizi una ricerca concettualizzi ciò che stai cercando.
(Poonja)







Ogni strada è soltanto una tra un milione di strade possibili.
Perciò dovete sempre tenere presente che una via è soltanto una via.
Se sentite di non doverla seguire, non siete obbligati a farlo in nessun caso.
Ogni via è soltanto una via.
Non è un affronto a voi stessi abbandonarla o ad altri abbandonarla,
se è questo che vi suggerisce il cuore.
Ma la decisione di continuare per quella strada, o di lasciarla,
non deve essere provocata dalla paura o dall'ambizione.
Vi avverto: osservate ogni strada attentamente e con calma.
Provate a percorrerla mentalmente tutte le volte che lo ritenete necessario.
Poi volgete una domanda a voi stessi, e soltanto a voi stessi.
Questa strada ha un cuore?
Tutte le strade sono uguali, non conducono in nessun posto.
Ci sono vie che passano attraverso la boscaglia, o sotto la boscaglia.
Questa strada ha un cuore?
E' l'unico interrogativo che conta.
Se ce l'ha, allora è una buona strada.
Se non ce l'ha, è da scartare.
(Carlos Castaneda)



                                                 

AFORISMI E CITAZIONI: IMMAGINI CON FRASI

Nella vita nulla è dovuto, e tutto è da conquistare.

Enzo Biagi 









Quando una donna chiede a un uomo che cosa pensa, vuol dire che di quell'uomo le sta a cuore anche il meglio, cioè i sentimenti e magari anche le idee.

Piero Chiara
  











Non credere sempre a chi ti dà notizie: bisogna avere poca fiducia in chi parla molto.

Marco Porcio Catone
 







 
Guardando il cielo si ha la sensazione che il semplice fatto di esistere sia felicità pura.
Banana Yoshimoto  









Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato. I ricchi comprano rumore. L'animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca.

Charlie Chaplin 







  
"La parola è un'ala del silenzio..."
Pablo Neruda 








 
Non sono le cose eclatanti ne le parole adulatrici ne i gesti grandiosi. Ma le minuzie quei piccoli, adorabili gesti che non vengono fatti per tornaconto personale. Spesso nelle piccole cose é racchiusa la vera essenza di noi che emana colori e profumi della nostra anima.
Web
 








 

Nella vita può succedere di tutto, ma ci sono due cose che nessuno ti potrà mai strappare: ciò che sei e ciò che sai.
Sono come due piante e, finché le coltivi con amore, resterai libero.

Dal web 








   
 Prima di tutto, prima di tutti, prima di qualsiasi altra cosa,
ho bisogno di me .

Sono (momentaneamente) fuori







 

Ho imparato che la calma è molto più destabilizzante della rabbia.
Che un sorriso disarma molto più di un volto corrugato,
ho imparato che il silenzio di fronte ad un’offesa è un grido che fa tremare la terra.
Ho imparato che come un amore rifiutato non si perde
ma torna intatto a colui che voleva donarlo, così accade per la rabbia e le offese.
Siamo noi a decidere se farci toccare o meno da un sentimento,
di qualsiasi sentimento si tratti.

Confucio
   







Esistono dei procedimenti magici che aboliscono le distanze di spazio e tempo: le emozioni…”
Simone De Beauvoir  

















A volte abbiamo solo bisogno di essere un po' coccolati per sentirci meglio.

C. Schulz
  









Non credo alle coppie che stanno bene, vanno d’accordo. Credo a quelle coppie che hanno sempre paura di perdersi, credo a quelle coppie che quando fanno pace si sentono più unite di prima.

Fabio Volo
 









"Dev’esserci qualcosa di insolitamente sacro nel sale, se è contenuto nelle nostre lacrime e nel mare."

Kahlil Gibran 









Ci sono silenzi che attendono
L’arrivo di una spiegazione
Per spegnere il tormento
Di quei perché senza senso....

Silvana Stremiz 








Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni.

Paolo Coelho 








"E' ricercando l'impossibile che l'uomo ha sempre realizzato il possibile.
Coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che appariva loro come possibile, non hanno mai avanzato di un solo passo"

Michail Bakunin 








Innamorarsi è raro, ma non difficile.
La vera impresa è conservare quel sogno d'amore anche dopo la sua trasformazione in realtà. Perché se incontrarsi resta una magia, è non perdersi la vera favola..

Massimo Gramellini